Pec per le società di nuova costituzione e per quelle già esistenti

pec

Le imprese costituite in forma societaria sono tenute a indicare il proprio indirizzo di posta elettronica certificata nella domanda di iscrizione al registro delle imprese o analogo indirizzo di posta elettronica basato su tecnologie che certifichino data e ora dell’invio e della ricezione delle comunicazioni e l’integrità del contenuto delle stesse, garantendo l’interoperabilità con analoghi sistemi internazionali. Tale disposizione è contenuta nell’articolo 16, comma 6 del Decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 “Misure urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico nazionale” (GU n. 280 del 29-11-2008 – Suppl. Ordinario n.263), in vigore dal 29 novembre 2008. Inoltre tutte le imprese, entro tre anni dalla data di entrata in vigore del Decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185 già costituite in forma societaria alla medesima data di entrata in vigore di tale decreto, comunicano al registro delle imprese l’indirizzo di posta elettronica certificata. L’iscrizione dell’indirizzo di posta elettronica certificata nel registro delle imprese e le sue successive eventuali variazioni sono esenti dall’imposta di bollo e dai diritti di segreteria. Pertanto in base a tale disposizione dal 29 novembre 2008 è obbligatorio indicare l’indirizzo di PEC nella domanda di iscrizione al registro delle imprese delle nuove società (modello S1). I servizi di PEC sono erogati dagli operatori di mercato abilitati dal Centro per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA).

——

La presente notizia ha lo scopo di fornire informazioni precise e autorevoli. L’elaborazione del testo, anche se curata con scrupolosa attenzione, non può comportare specifiche responsabilità in capo all’autore per eventuali errori o inesattezze.